Menu1-1 Menu1-2 Menu1-3 Menu1-4 Menu1-5 Menu1-6 Menu1-7
Menu2-1 Menu2-3 Menu2-2 Menu2-3 Menu2-4 Menu2-7

Le immagini a stampa

Come molti pittori nordeuropei, anche Cranach fu estremamente versato nella produzione di Le immagini a stampa, al contrario di quanto avveniva nel Rinascimento italiano, dove tale pratica era delegata dai grandi artisti agli specialisti di questa tecnica. Sebbene non sia noto dove abbia appreso quest’arte, Cranach divenne uno dei principali incisori tedeschi della sua epoca, adeguandosi agli elevati standard della famosa scuola di Norimberga ed elaborando uno stile del tutto personale.
La realizzazione della maggior parte delle sue xilografie a pagina intera fu portata avanti durante i primi anni al servizio di Federico il Saggio (1505-1510 circa). Molte di queste, prodotte nel contesto della corte, raffiguravano temi legati a tale destinazione profana, ovvero soggetti mitologici, scene di caccia o tornei. Le tematiche religiose erano invece destinate a un pubblico diverso e a una distribuzione molto più ampia. Nel nord Europa tali soggetti venivano infatti riprodotti in serie e pubblicati indipendentemente. Un vero e proprio modello per tali rappresentazioni venne fornito da Albrecht Dürer, attraverso le xilografie dell’Apocalisse e le serie della Vita della Vergine e della Passione, opere cui Cranach si dovette ispirare.
Nel secondo decennio del XVI secolo Cranach praticò raramente questa tecnica, che riprese invece a frequentare alacremente a partire dal 1520, in coincidenza con i primi anni della Riforma. Oltre alla realizzazione del ritratto di Martin Lutero, che comportò la diffusione di un emblema ben riconoscibile allo scopo di veicolare la nuova fede, Lucas preparò, tra le altre, le illustrazioni xilografate per le prime edizioni luterane della Bibbia in tedesco.
Cranach divenne persino proprietario di una stamperia, gestendo questa attività a livello imprenditoriale nell’ambito della propria bottega.